Sandro Munari la leggenda

SERATA DI CELEBRAZIONE SANDRO MUNARI 9 GIUGNO 2017

Per i quarant’anni dalla vittoria di Sandro Munari della Coppia FIA Piloti, il Museo dell’Automobile Bonfanti VIMAR ha organizzato una serata rievocativa in onore del grande pilota veneto. Venerdì 9 giugno 2017, dalle 19,00 alle 21,00 molti piloti e personaggi che hanno contribuito a rendere grande il mondo dei Rally si ritroveranno per celebrare con calore e tanta ammirazione il Drago!

LA CARRIERA DI SANDRO MUNARI

Cominciò la sua carriera sui kart. Arnaldo Cavallari, famoso rallista degli anni ‘60-’70 lo osservò ed apprezzò la sua precisione e determinazione chiamandolo a correre con lui in qualità di navigatore. Ma l’indole del Drago era di fare il pilota. Si innamorò delle corse in auto all’età di 7 anni, quando con il padre assistette al passaggio dei bolidi della 1000 Miglia. Dopo qualche gara con Cavallari nel 1964, esordì nel 1965 al volante di una Flavia Coupè al 1000 Laghi in coppia con Ghini impressionando per la prestazione all’altezza di piloti ufficiali. Fece quindi il suo esordio come prima guida al Rally di Montecarlo nel 1966 a bordo di una Lancia Flavia coupè in coppia con George Harris. Lo stesso anno fu protagonista di un curioso quanto unico episodio che lo vide vincere una gara in salita, con una vettura che non poteva competere con i prototipi (la Flavia Zagato), senza abbigliamento da competizione, su richiesta del DS per accontentare un concessionario di Genova, in testacoda! Il trofeo gli venne consegnato in ospedale dov’era ricoverato per l’incidente accorso poco prima del traguardo. Nel 1968, fu costretto ad un lungo stop a causa delle ferite riportate in un drammatico incidente durante il trasferimento da Atene a Montecarlo in cui perse la vita il compagno fraterno Luciano Lombardini. Con quest’ultimo aveva raggiunto un’intesa perfetta, sempre al volante della Fulvia, centrando nel 1967 la vittoria al 999 Minuti all’esordio con questa vettura, primi assoluti al Rally di Sardegna, al Rally Alpi Orientali e al Rally di Spagna ed infine vincendo una gara straordinaria al Tour de Corse sbaragliando la concorrenza francese più potente e favorita.

Un successo esaltante lo ottenne a Montecarlo nel 1972 quando ormai la Fulvia, non più competitiva, era stata messa da parte per mettere in cantiere la Stratos. Al suo fianco aveva il navigatore con cui siglò successi indimenticabili: Mario Mannucci. Coequipier milanese, sensibile, tenace, paziente, preparato e preciso, già pilota Jolly Club su Fulvia, passò al fianco di Munari nel 1971 dopo esser stato in equipaggio con Barbasio. Mannucci lo si può definire come il primo navigatore professionista. Dopo questa vittoria si riaprirono gli stabilimenti di produzione della Lancia Fulvia, gli operai tornarono al lavoro garantendo sicurezza e risorse alle famiglie, vennero prodotte altre 50.000 Lancia Fulvia coupè con i colori del Montecarlo, su una produzione totale di circa 150.000. Le vittorie più belle e importanti del Drago, oltre a quelle già citate, sono state i 4 Montecarlo, Targa Florio (1972 record imbattuto per accoppiata con Montecarlo), 3 Rally di Sardegna (2 da navigatore), 6 San Martino di Castrozza (uno da navigatore), 3 Alpi Orientali, 2 Quattro Regioni, 2 Rally di Sicilia, 2 Tour de Corse, Tour de France, Firestone, Spagna, Rideau Lakes e molte altre. E’ stato suo il Campionato Italiano nel 1967 e nel 1969, vincitore della Mitropa Cup nel 1971, Campione Europeo nel 1973, vincitore della Coppa del Mondo FIA piloti e Campione Italiano assoluto rally nel 1977. Dopo aver vinto e stravinto su quasi tutti i fronti a bordo di Lancia Fulvia e Stratos ha disputato qualche rally su Fiat 131 Abarth fino a quando decise nel 1978 di ritirarsi dalle corse come pilota professionista non disdegnando di disputare qualche altro rally da privato. Una carriera strabiliante. Munari rifiutò numerose offerte di ingaggio con altre case automobilistiche di prestigio, anche quando non aveva ancora un contratto fisso, per spirito di riconoscenza nei confronti della Lancia che aveva creduto in lui.

Francesca Pasetti (Lady Fulvia)
Articolo precedente
Pier Ugo Gobbato, la “mia” Stratos
Articolo successivo
Il saluto di Sandro Munari

Related Posts

Buon Compleanno Drago Munari

commentNessun commento
Noi di #SaveLancia non potevamo mancare nell’inviare i nostri più sinceri auguri per il 75esimo compleanno di uomo che ha portato in alto il nome di Lancia a livello mondiale. Abbiamo scelto di sottoporre alla vostra lettura un articolo pubblicato…

La “vecchia scuola” ha ancora molto da insegnare.

comment2 Commenti
Iniziamo a raccontare le vostre storie che abbiamo raccolto in questi mesi: il progetto SaveLancia è anche questo. Vuoi raccontarti anche tu? Condividere i tuoi ricordi? Scrivici: web@savelancia.it Mi chiamo Matteo Vezzosi e sono nato il 4 dicembre del 1977 in…

Il saluto di Sandro Munari

comment4 Commenti
“Amici Lancisti, tenete duro. Siate Lancisti come sempre, bisogna incoraggiare altre persone a sostenere questo marchio che è molto importante per il mondo dell’automobilismo. Con la vostra passione ci sarà un seguito. Sicuramente.” Sandro Munari Sandro Munari, “il Drago”, è un…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.