Una giornata di studi da non perdere

Una giornata dedicata al motore 4V stretto Lancia. La sua genesi e la sua evoluzione storica, tecnica, industriale e sportiva. Il motore della tradizione Lancia. Dalla Lambda alla Fulvia passando attraverso Artena, Augusta, Aprilia, Ardea, Appia. Una giornata da non perdere per chi vuole conoscere uno dei capitoli più importanti della storia della Lancia e apprendere anche fatti che quasi nessuno conosce. SaveLancia seguirà i lavori realizzando reportage video dell’evento.

 

Il Club Umbro Automotoveicolo d’Epoca di Terni, nell’ambito delle proprie attività culturali, ha organizzato un convegno di livello nazionale sul motore V stretto LANCIA” risalente ad un brevetto del 1915. Trattasi di un brevetto motoristico altamente innovativo, che ha poi dato vita e caratterizzato, rendendoli unici al mondo,  tutti i motori dei vari modelli LANCIA, dalla Lambda del 1923 fino alla Fulvia, ultima automobile prodotta da questa Casa automobilistica prima di essere totalmente assorbita nel gruppo Fiat nel 1969.

Il convegno si terrà nel Comune di Sangemini, presso il Teatro Comunale il giorno 19 maggio 2018 ed avrà come relatori illustri tecnici, progettisti e personaggi di fama nazionale ed anche internazionale che sono stati legati agli sviluppi di tali motori  o che ne hanno fatto oggetto di studi di ricerca.

GIORNATA DI STUDI SUL 4V LANCIA
Sabato 19 e Domenica 20 maggio 2018 – Sangemini (TR)
SABATO 19 MAGGIO 1) – Ore 14,00 – ritrovo e parcheggio di Automobili LANCIA nella Piazza Comunale di Sangemini; (presenti le 4V : Lambda, Artena, Augusta, Aprilia, Ardea, Appia, Fulvia e altre Lancia)
2) – Ore 15,00 – 16,00 : Presentazioni con autorità del luogo e breve passeggiata guidata a Sangemini
3) – Ore 16,00 – 19.00 Convegno – Saluti del Sindaco e del Presidente CUAE
Relatori:Fabrizio Granaroli: Introduzione alla tematica del Convegno. Le forze d’inerzia e le differenze tra un motore in linea e il 4V stretto. Accenni ad Artena Augusta e Ardea;
Geoffrey Goldberg in collegamento video dagli USA: I motori V stretto Lancia (tecnica) ed in particolare i 4V. Accenni al libro che sta scrivendo sull’argomento;
Enrico Masala: La genesi dei motori Lancia 4V stretto: dal 12 cilindri V del 1919 alla Lambda 4V stretto. La ‘capostipite’: Lambda. L’ultima vettura di Vincenzo: Aprilia;
Luigi De Virgilio: L’apporto di Francesco De Virgilio ai motori 4V Lancia: lo sviluppo dei prototipi per l’Appia e per i due veicoli industriali Beta e CL51 (4V strettissimi: motori a 4 cilindri paralleli).
Gianni Tonti: Gli ultimi 4V Lancia: Appia e Fulvia. La preparazione sportiva del 4V Fulvia (1300 – 1400 prototipo – 1600). La testata a fasatura variabile progettata da Francesco De Virgilio per la Fulvia.
4) – Ore 19 – 19.30 : incontro con la popolazione tra le LANCIA parcheggiate per renderla partecipe, con spiegazioni (sommarie), delle caratteristiche dei modelli presenti e delle finalità dell’evento in corso.
5) – Ore 19.45 : aperitivo in Piazza Comunale, allestito davanti alla Sede del Comune.
6) – Ore 20 : Cena sociale (ospiti, relatori e partecipanti al Convegno) presso la Taverna “Malanotte” ubicata sempre vicino la Piazza Comunale.
7) – Ore 22.30 : trasferimento degli ospiti e relatori presso l’Albergo S.Francesco nel Centro Storico, nei pressi della stessa Piazza del Comune.
DOMENICA 20 maggio In base alle esigenze per il ritorno di ospiti e relatori, nell’arco della mattinata visita a località artistiche presenti in zona.

San Gemini

L’occasione del convegno è anche la possibilità di conoscere un territorio ricco e pieno di fascino. San Gemini si aggrega su un’altura a 337 metri s.l.m., nel sito di un antico insediamento romano, Casventum, attestato sul tracciato della Strada Consolare Flaminia, che salendo dalla valle del Fiume Nera presso Narni, attraversa il centro cittadino per poi dirigersi verso la città romana di Carsulae. Parzialmente devastata dai Saraceni, sulle sue rovine venne in seguito edificato il castello di San Gemini, così chiamato in onore del protettore Santo Gemine del quale si conservano in questo luogo le spoglie. La formazione del castello è favorita da un complesso processo di unificazione e trasformazione fondiaria avviato dalle chiese locali tra i secoli IX e X, in un territorio la cui vocazione agricola è molto pronunciata. Il centro murato del castello organizza il suo caratteristico nucleo medioevalesullapartesommitale del colle, al quale si aggiunge poi un’addizione rinascimentale verso la Porta Romana a sud. Numerose le opere architettoniche presenti: l’Abbazia di San Nicolò, il Duomo, il Tempio di San Giovanni Battista, la Chiesa di San Francesco, il Palazzo di Capitano del Popolo e la Chiesa Priorale di S. Carlo.

Nei dintorni della cittadina importanti attrattive turistiche sono i resti archeologici della città romana di Carsulae ed il Parco della Fonte di San Gemini, famoso per le cure idropiniche e le sorgenti dell’Acqua SANGEMINI, acqua oligominerale dai valori unici, grazie proprio all’incontaminato territorio che attraversa.
Informazioni: C.U.A.E. Club Umbro Automotoveicolo d’Epoca – Terni – Via Mentana n°33 – 05100 TERNI – cuaeterni@virgilio.it Liborio Libori (Presidente): 339 3820601 Battistelli Paolo (coordinamento evento): 335 5471691
 
Articolo precedente
Una famiglia, tanti ricordi da raccontare.
Articolo successivo
Lancia Delta torna a sfrecciare per le vie di Torino

Related Posts

Claudio Fogolin

Claudio Fogolin e la nascita di Lancia.

commentNessun commento
A 75 anni dalla sua morte vogliamo oggi raccontarvi Claudio Fogolin. Imprenditore friulano, collaudatore, sportivo e politico. Una figura legata alla storia di Lancia che su di sé porta tutti i segni, e passaggi drammatici, della storia italiana a cavallo…

Lancia Garage: lo scrigno dei sogni

comment1 Commento
La grandezza di un marchio come Lancia è stata conquistata negli anni anche grazie alla passione di tanti meccanici che hanno saputo custodire, riparare e preservare le nostre auto. Una passione che, soprattutto negli anni passati, aveva il sapore del…

2 Commenti. Nuovo commento

  • Le forti emozioni suscitate dalla visita alla concessionaria del Dott. Ghiara a Genova, mi convinsero che era tempo di provare le tanto elogiate qualità Lancia, sia per l’innovativa tecnica motoristica, ma anche per l’elevato livello delle finiture. Non so come riuscii a persuadere papà ad acquistare l’Appia III serie, appena uscita dal Salone di Ginevra, zeppa di novità. (Scheda tecnica: motore frizione cambio in blocco sull’anteriore , 4 cilindri a V stretto di 1089,51 cc. da 48 cavalli, valvole in testa a V, due alberi a camme nel basamento, sospensioni anteriori indipendenti a supporto telescopico, posteriori ad assale rigido e balestre longitudinali ; cambio a 4 marce con comando al volante, freni a tamburo doppio avvolgenti, peso kg 960. Dati tecnici da Quattroruote, Ed.Domus)
    L’acquisto avvenne nella Primavera del 1960 alla Filiale Lancia in Via Milano a Genova . Colore scelto: grigio Epson. Dopo vari mesi di attesa, una vettura diversa dall’ordinata si rese disponibile. Colore : Oro Longchamp metallizzato, gomme a fascia bianca. Piacque e venne consegnata subito. Appena a bordo, vieni totalmente immerso nell’atmosfera Lancia di tempo fa e catturato dall’ ordine, dalla precisione e dalla qualità di ogni particolare..Come i due orologi che da dietro al sottile volante brillano di luce propria, mentre l’imbottitura soffice della plancia balza evidente all’occhio, interrotta dai vari pomelli che fanno capolino dalla parte inferiore. Osservi i robusti blocca porte superiore e inferiore delle portiere ad apertura a libro , senza montante centrale che si chiudono dolcemente, senza alcun sforzo , accompagnate dal classico “clack” ovattato tipico delle Lancia. Inserita la minuscola chiave nel blocchetto d’accensione e ruotata a destra, dopo una leggera pressione senti il motore a 4 cilindri a Vu stretto che fa sentire la propria voce rotonda e armoniosa, in ritmica sequenza. Ora puoi iniziare a gustare il piacere di viaggiare in Lancia e apprezzarne a pieno le doti : il motore brillante dal rombo rotondo, acuto, la buona tenuta di strada e la pronta ripresa. Velocità : circa Kmh. 140 di tachimetro, niente male per l’epoca. Ma é una Lancia, ripeteva papà ! In quell’estate , ancora una volta in viaggio verso Montecatini Terme, lungo il rettifilo di Migliarino dell’autostrada Firenze Mare, nel silenzio più assoluto. Tutti intenti a seguire la lancetta del tachimetro dell’Appia che toccava la fatidica soglia dei Km.140 all’ora, incredibile. Anche affascinati, perché per la prima volta si toccava quella velocità che a noi pareva elevatissima, seppure solo per qualche istante. “The way we were” così eravamo negli anni ’60. Oggi, visti gli attuali limiti di velocità, quella velocità appare di nuovo una meta ambita. Il ritorno al futuro.

    Rispondi
  • non posso commentare ma ogni volta che alla Lancia o una stretta cuore dopo 58 anni di officina lavorando su vetture e autocarri Lancia non ci sono parole grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.