Salone di Parigi 2016. Lancia (ovviamente) assente

 

È la grande novità di questo Salone dell’auto di Parigi 2016: la Lancia non c’è più, scomparso lo stand, sparite le hostess. La causa? Una lunga agonia e nessun nuovo modello da promuovere.

 

logo110anniversaryLancia

Ancora una volta, cosi come al Salone di Ginevra, è la grande assente dei saloni automobilistici internazionali, eppure quest’anno si festeggia il 110° anniversario: Lancia non parteciperà all’edizione 2016 del Salone di Parigi. Una kermesse importante tanto che i francesi hanno ribattezzato il loro salone come il “Mundial dell’auto”, forse un po eccessivamente ma  la rassegna parigina è sicuramente tra le più gettonate almeno, a livello europeo, dai costruttori d’auto insieme naturalmente al a tutto il carrozzone del mondo automotive.

Le novità made in italy.

 

La hypercar di Maranello La Ferrari GTC4 Lusso T si “scopre” e lo fa col consueto “charme” da prima della classe. Sarà una delle “regine” della rassegna. Niente Alfa Romeo Stelvio, che come sappiamo, sarà presentata al Salone di Los Angeles a novembre. L’Alfa si concentrerà sulla presentazione della Giulia Veloce, pronta a far parlare a riaccendere l’attenzione sulla berlina italiana. Nello stand Fiat sarà svelata la 124 Spider America, serie limitata che si affiancherà alla presentazione di modelli popolari come la Panda MY 2017 (anche Cross) edella 500 in numerosi allestimenti (dalla 500S alla raffinata Riva). Abarth è pronta a presentare la 595 restyling, e Jeep la Grand Cherokee il MY2017.

Ferrari GTC4 Lusso T

Le altre novità.

mini-clubman-john-cooper-works_40763575bde6c59fa5a830d197ff4db68e8f7

Molte novità parlano francesce. Citroen infatti presenterà la nuova C3, Peugeot la 5008 e le sue bici a pedalata assistita per promuovere il nuovo sistema intermodale. Renault si concentra sulla Grand Scenic e su Dacia che per l’occasione presenterà i restyling di Sandero e Logan. Tante sono le novità tedesche per questo salone, citiamo in estrema sintesi  la Mercedes Classe E All-Terrain e la MINI Clubman John Cooper Works. la nuova Ford Ka+. Porsche con La nuova Panamera, una 911 più grande come è stata accolta la super berlina che debutta a Parigi nella suggestiva versione Sport Turismo. Segnaliamo inoltre le novità nipponiche, ovvero le nuove Suzuki Ignis ed Honda Civic, mentre dalla Corea la nuova Kia Rio.

lancia_salone_parigi

Continua la nostra amara insoddisfazione per l’atteggiamento del gruppo FCA: siamo ancora convinti – e decisi – a batterci affinché Lancia possa avere un futuro. Partecipa anche tu.

5038167203_b52035b9f6

Questa foto di qualche anno fa….purtroppo è stata profetica!

Articolo precedente
Un successo il raduno Lancia in Svizzera
Articolo successivo
Lancia all’Auto e Moto d’Epoca 2016

Related Posts

Voci di corridoio: torna la Delta integrale?

comment3 Commenti
Sappiamo bene che il piano industriale 2018 di FCA ha ambiziosamente, forse troppo a detta di alcuni commentatori, posto obiettivi di vendita davvero importanti per brand come Alfa Romeo, Jeep e Maserati dimenticando completamente, il marchio Lancia, casa automobilistica che ha segnato la storia del mondo delle quattro ruote che per…

Quando la Lancia batteva la Ferrari

commentNessun commento
Siamo nel 1954 e dopo aver vinto la Carrera Panamericana con Juan Manuel Fangio verso la fine del 1953,  Gianni Lancia, pazzo per le competizioni,  vuole a tutti i costi vincere la Mille Miglia. di ALFIO MANGANARO Nel ricco palmares…

La Head del marchio Lancia premiata Manager 2015. E perché?

commentNessun commento
Apprendiamo dalle “velinose” pagine del sito lanciapress che Antonella Bruno, Head del marchio Lancia per l’aera EMEA, è stata insignita del premio speciale “Manager 2015” a seguito delle iniziative sviluppate per il marchio, tra le quali spicca il concorso “Time Award”,…

7 Commenti. Nuovo commento

  • Avatar
    Ivan V. Ivanov
    23 Settembre 2016 22:09

    VIVA LANCIA!

    Rispondi
  • Purtroppo, essendo ormai imminente il ritiro ufficiale dai mercati internazionali (30 marzo 2017), non ha nessun senso partecipare ad un Salone.
    Forse con un po’ di fortuna vedremo Lancia al Motor Show di Bologna.
    Però non sperate in niente di nuovo. Al massimo l’ennesima serie speciale (l’unico dubbio sarà in che colore ce la propinano: Rosa, Fucsia, Violetta, Cipria,Turchese…con pailletes…lucidalabbra…

    Rispondi
  • I tedeschi gruppo VAG vendono a milioni di allocchi le solite macchine tutte identiche con tanti marchi spacciandole per diverse.
    I giapponesi dal nulla hanno creato marchi di lusso (senza una storia) e portati al successo in USA e poi in Europa.
    E Marchionne sostiene che un marchio con una storia leggendaria non possa essere rivalutato??
    Io lo terrei come un tesoro, lo farei diventerare il marchio di lusso di FCA (non ne hanno, tranne Maserati ma troppo alto) e con forte declinazione all’innovazione. Ibrido, automazione, lusso e tecnologia

    Rispondi
  • Come ho già avuto modo di scrivere, rallegrandomi che è anche l’opinione di quel bravissimo designer, Andrea Bonamore, per ridare nuovo lustro alla LANCIA basta cominciare dallo scudetto.
    Quello attuale è orrido, banale, riduttivo, da auto cinese low-cost, privo d’identità davvero non riesco a digerirlo. Torniamo allo scudetto LANCIA storico con i colori di Torino, blu e giallo com’era sulle LANCIA classiche.
    Già sull’ Y ristilizzata darebbe un segnale di ripresa. Sbaglia la Fiat a farle disertare i saloni ( oddio con quell’orribile Logo…) Con poco si può mantener viva la curiosità…
    Con auto di basso profilo e rimarchiate è difficile ridare gradimento ed interesse.
    La LANCIA ridotta al rango di una skoda non potrà mai funzionare.

    Rispondi
  • Al rango di una Skoda? Magari. Almeno significherebbe avere una gamma di modelli.

    Rispondi
  • Da quel punto di vista hai ragione: almeno avrebbe una gamma di modelli.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.