Extra. Cultura Lancista

Una selezione dei nostri video per raccontare un’eccellenza motoristica.

La collezione Lancia

Raffaele Terlizzi è stato per dieci anni il Responsabile della Collezione Lancia a Torino. La Collezione conserva i pezzi pregiati della produzione automobilistica Lancia dal 1906 agli anni ’90, ed è quanto era conservato nel Museo della Casa Automobilista di Via Caraglio chiuso, e mai riaperto, nel 2007. Terlizzi attraverso il suo racconto ci accompagna per mano attraverso ricordi, fatti ed emozioni di una storia che descrive l’innovazione di questo marchio anche attraverso i restauri dei numerosi modelli della Collezione Lancia. 

Buon compleanno Aurelia

SaveLancia ha visitato la mostra dedicata alla Lancia Aurelia realizzando un reportage esclusivo,  in compagnia di Massimo Fila Robattino, curatore dell’esposizione, e di Raffaele Terlizzi, ex Responsabile della Collezione Lancia di Torino, e del figlio dell’Ingegnere Francesco De Virgilio padre del motore V6, Luigi De Virgilio. Partecipano alla discussione la Direttrice del Mauto, Mariella Mengozzi e il Presidente Benedetto Camerana.

Lancia LC2 torna in vita.

Era il 1983 quando la Lancia presentò questa Gruppo C che in teoria avrebbe avuto pochi rivali: 850 CV, 850 chili il peso, oltre 400 km/h di velocità massima (rilevata sul mitico rettilineo Hunaudières a Le Mans), uno 0-100 in meno di 3 secondi. Raffaele Terlizzi, ha seguito il progetto di restauro della vettura custodita nel corso degli anni ma non più funzionante. Un racconto appassionante in cui si potrà immergersi sino al test drive finale effettuato presso il circuito Campo Volo.

L'archivio dei sogni.

In questa puntata speciale di LanciaGarage, Raffaele Terlizzi ha incontrato Danilo Della Giovampaola un meccanico che sin da giovanissimo, attratto dalle auto e motori, non ha mai smesso di nutrire la sua passione per Lancia, costruendo un archivio di libri, oggettistica e pezzi che potrebbero fare invidia a qualsiasi collezionista. Uno “Scrigno dei sogni” in cui è possibile rileggere la storia del marchio torinese dai primi anni del novecento sino ai giorni nostri. Attraverso questo scrigno, e i suoi oggetti, faremo un viaggio alla scoperta di quello che è stato e di soprattutto di cosa è diventato il mondo dell’auto di questi anni.

Convegno "Meccanici Lancia"

Interverranno tra gli altri, Gianni Tonti ex Direttore tecnico del Reparto Corse Lancia, Geoffrey Goldberg autore del libro “Lancia and De Virgilio – At the center”- Luigi e Giovanni De Virgilio, figli dell’Ing. Francesco De Virgilio illustre padre del motore V6. ARGOMENTI TRATTATI: 1) richiami di carattere tecnico scientifico, propedeutici alla comprensione di argomenti per lo più sconosciuti ai non addetti ai lavori; 2) l’equilibratura dei motori a scoppio; 3) brevetti e studi in casa LANCIA con particolare attenzione al 4V; 4) omaggio all’Ing. De Virgilio progettista del primo motore , al mondo, 6V di 60°, tipologia di motore che tutt’oggi alcune case automobilistiche prevedono nei loro modelli. Organizzato dal C.U.A.E. Terni.

Convegno "Motore 4v di Lancia"

Una giornata dedicata al motore 4V stretto Lancia. La sua genesi e la sua evoluzione storica, tecnica, industriale e sportiva. Il motore della tradizione Lancia. Dalla Lambda alla Fulvia passando attraverso Artena, Augusta, Aprilia, Ardea, Appia. Una giornata da non perdere per chi vuole conoscere uno dei capitoli più importanti della storia della Lancia e apprendere anche fatti che quasi nessuno conosce.

D50. La formula 1 made in Lancia

Raffaele Terlizzi, ex Responsabile della Collezione Lancia a Torino, ci racconta l’esperienza a bordo della Lancia D50 per le vie di Torino in occasione del Salone dell’auto al Parco Valentino. La monoposto della casa torinese, denominata con la sigla D50, fa la sua prima uscita il 20 febbraio 1954 all’aeroporto di Caselle a Torino. La Lancia non badò a spese per la realizzazione della D50 (il primo e unico modello da competizione per la Formula 1 costruito dalla società torinese), e ne affidò il progetto al leggendario Vittorio Jano.

Lancia Anno Zero

La storia di Lancia si intreccia indissolubilmente con Torino, gli anni della grande industria italiana, fino all’abbandono degli stabilimenti storici e ai recenti anni della crisi economica. “Lancia Anno Zero” è molto più di una semplice sequenza cronologica dei modelli che hanno fatto la storia dell’auto: è un atto di denuncia alla scelleratezza di chi non ha impedito di disperdere un patrimonio unico di conoscenza e bellezza, all’edilizia speculativa che potrebbe demolire i “santuari laici” che ancora, chissà fino a quando, difendono la memoria di ciò che è stato, come il grattacielo Lancia. Ma “Lancia Anno Zero” è soprattutto un atto di speranza, quella che molti “lancisti”, appassionati e visionari, in tutto il mondo si augurano di poter restituire un futuro al marchio torinese. 

Il Reparto Corse Lancia

Gli anni d’oro dei rally e di Lancia raccontati dall’ex Direttore Tecnico del reparto corse Lancia, Gianni Tonti e collaboratori. Estratto del Convegno “Meccanici Lancia” realizzato dal CUAE di Terni.